Disintossicazione eroina


Novità!
Non hai tempo ora di leggere il sito?

Preferisci Scrivere
invece di Chiamare ?

Lascia ora la tua email:
Ti contattiamo noi in forma assolutamente
privata e Anonima!
Tuo Nome (*):
E-mail (*):
Telefono: (*):
Il problema riguarda:
Me stesso Un familiare Un amico
Se Vuoi, lascia qui un messaggio

*

Garanzia di serietà = la tua Email è sicura: da me NON riceverai mai spam
Nota: I campi con * sono obbligatori


  Struttura
del Centro

Vai alla Struttura
  Gallery Fotografica
Vai alla Gallery
  Video &
Foto 3D

Vai al Video
& Foto 3D


Effetti dell'Eroina

Eroina scuraPoco dopo l’iniezione (o l’inalazione), l’eroina attraversa le barriere cerebrali. Nel cervello, l’eroina è convertita in morfina e lega rapidamente con i recettori di oppiacei. Chi usa eroina solitamente afferma di provare una sensazione di piacere, come un flash. L’intensità di questo flash dipende dalla quantità di droga assunta e dalla rapidità con cui la droga raggiunge il cervello e lega con i recettori di oppiacei. L’eroina provoca notevole assuefazione perché raggiunge il cervello molto rapidamente. Con l’eroina, il “flash” è solitamente accompagnato da vampate di calore sulla pelle, labbra secche, pesantezza delle articolazioni, che possono essere accompagnati da nausea, vomito e forte prurito.

Dopo gli effetti iniziali, chi fa uso di eroina solitamente accusa sonnolenza per diverse ore. Le funzioni mentali sono annebbiate dagli effetti dell’eroina sul sistema nervoso centrale. Le funzioni cardiache e respiratorie rallentano notevolmente a volte causando anchela morte. L’overdose di eroina è particolarmente diffusa nelle strade, in quanto la quantità e la purezza della droga non può essere facilmente individuata.


Quali sono gli effetti di lungo termine derivanti dall’uso di eroina?

Uno degli effetti più nocivi dell’eroina, a lungo termine, è la dipendenza.

La dipendenza è un disagio cronico, caratterizzato da un incontrollabile ricerca ed uso della droga, e da cambiamenti neurochimici e molecolari nel cervello. L’eroina produce anche grosso aumento della tolleranza e della dipendenza fisica, che porta all’usocompulsivodi droga. Come chi abusa di altre droghe che provocano dipendenza, chi abusa di eroina solitamente impiega sempre più tempo ed energie per ottenere ed utilizzare la droga. Una volta diventato dipendente, il primo scopo nella vita dell’eroinomane diviene cercare ed usare la droga. La droga modifica letteralmente il suo cervello.

La dipendenza fisica viene sviluppata con dosi elevate di droga. Con la dipendenza fisica, il corpo si abitua alla presenza di droga e, se l’uso di eroina si interrompe bruscamente, si presentano sintomi di astinenza. La crisi d’astinenza può sopraggiungere dopo poche ore dall’assunzione dell’ultima dose. I sintomi della crisi d’astinenza comprendono agitazione, dolori ai muscoli ed alle ossa, insonnia, diarrea, vomito, brividi di freddo, pelle d’oca, e tremolio alle gambe. I sintomi principali della crisi d’astinenza da eroina raggiungono l’apice dalle 24 alle 48 ore dopo l’assunzione dell’ultima dose e si riducono dopo circa una settimana. In alcuni casi i sintomi di astinenza possono persistere per molti mesi.La crisi d’astinenza causata dall’eroina non è mai fatale per gli adulti in buona salute, ma può causare la morte del feto nella donna incinta.

Ad un certo punto durante l’uso continuato di eroina, una persona diventa dipendente dalla droga. A volte i tossicodipendenti resistono a numerosi dei sintomi della crisi d’astinenza per alcuni giorni per ridurre la tolleranza della droga e potere nuovamente provare l’effetto delle prime volte.

Una volta si credeva che la dipendenza fisica e l’insorgere dei sintomi della crisi d’astinenza fossero il motivo che spingeva una persona a continuare ad usare droghe. Adesso sappiamo che non è esattamente così, dato che desiderio e ricadute possono manifestarsi settimane e mesi dopo che i sintomi della crisi d’astinenza sono spariti. Sappiamo anche che pazienti con dolori cronici che necessitano di oppiacei (a volte per lunghi periodi) non hanno nessun problema, o ne hanno molto pochi, nell’abbandonare gli oppiacei dopo che il loro male è guarito. Questo perché il paziente che ha dei dolori sta semplicemente cercando sollievo dal dolore e non il piacere cercato dal tossicodipendente.


Home - Programma - Struttura - Gallery - Video & Foto 3D - Testimonianze - Contatti - Eroina Storia - Eroina Informazione - Modi di Assunzione - Eroina Effetti - Eroina Danni - Eroina Dipendenza - Cause della Dipendenza - Ciclo della Dipendenza - Origini delle Ricadute - Aspetti Biochimici - Eroina Riabilitazione - Disintossicazione Eroina - Fasi del Programma - Metadone - Subutex - Alcool - Allucinogeni - Cocaina - Ecstasy - Marijuana - Metamfetamina - Mappa del sito - Visita anche: Comunitadirecupero.com